Ultime News
Esperienza VR: come chiedere un preventivo - AUGMENTA
21839
post-template-default,single,single-post,postid-21839,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

Esperienza VR: come chiedere un preventivo

Preventivo VR 1 Augmenta

Esperienza VR: come chiedere un preventivo

Concludiamo la trilogia di articoli, con alcune delle domande a cui da clienti è bene dare una risposta. Esperienza VR: come chiedere un preventivo?

Partendo dal principio universale che prima di chiedere un preventivo è sempre meglio essere un minimo preparati, altrimenti si rischia di essere raggirati o di non capire poi cosa ci viene risposto, sotto riportiamo delle domande che è opportuno farsi prima di chiedere un preventivo per un’esperienza VR….anche perché se non ve le fate da soli, ve le farà il vostro fornitore e perderete così tempo prezioso.

Preventivo VR 3 Augmenta

  1. Video 360 o esperienza in CGI (computer-generated imagery)? Il primo è un vero e proprio video, girato con camere particolari, la seconda invece è un’ambientazione creata a computer. Per ulteriori informazioni, potete rifarvi al primo articolo della trilogia.
  2. Se esperienza in CGI, che definizione grafica vogliamo? La definizione grafica influenza moltissimo il prezzo finale, quindi è un dettaglio di fondamentale importanza. Per capirci, posso riprodurre una parete bianca, o posso riprodurre una parete bianca con i segni delle pennellate dell’imbianchino, le macchie di umidità, le crepe nell’intonaco. Le due pareti hanno costi e tempi di realizzazione molto molto distanti.
  3. Posso avere un ambiente 360 montando foto/video 2D? Tecnicamente si può, ma l’effetto è orribile e costoso, inutilmente costoso. Se ho materiale a disposiszione, meglio prima verificare se è utilizzabile per creare l’esperienza VR. Quello che si può fare senza problemi è, tramite foto dettagliate, ricreare l’ambiente in CGI.
  4. Per che tipo di visore voglio l’esperienza? Oculus Rift? Samsung Gear VR? Cardboard? Il tipo di visore influenza parecchio, più che il prezzo, l’utilizzo finale. Quindi la domanda che vi dovreste fare in realtà è “a cosa mi serve questa esperienza in VR?”. Da questa domanda si può poi capire qual è il visore migliore per l’uso che abbiamo in mente. Rimando al nostro articolo in merito, il secondo di questa serie.
  5. Interazioni o no? Le interazioni sono la possibiltà che ha l’utente di interagire parzialmente con l’ambiente che vede nell’esperienza VR. Le interazioni possono essere di vario tipo e senza una definizione almeno approssimativa di ciò che vogliamo fare nell’esperienza, non sono quotabili. Quindi è opportuno capire bene che cosa voglio far far durante l’esperienza, se un semplice percorso guidato, oppure qualcosa di interattivo. Le interazioni possibili sono davvero molte, da attivare un’animazione con lo sguardo, a toccare e muovere oggetti. Anche in questo caso, vi invitiamo a vedere il primo articolo.
  6. Voglio pubblicare l’app o no? Se si decide di fare un’applicazione VR, si può poi dare la possibilità agli utenti di scaricarsela e vedersi a casa i video, magari con un cardboard. Per fare questo, bisogna però pubblicare l’applicazione sugli store di Apple e Android. Questo costa poche centinaia di euro, ma può portare via due-tre settimane aggiuntive di lavorazione, perché Apple impiega parecchio ad approvare le app non sue. Assolutamente da tenere in considerazione.Preventivo VR 4 Augmenta
  7. Quanto tempo ho? Le tempistiche di lavorazione variano da lavoro a lavoro, ma in ogni caso per fare un’esperienza VR ci vuole tempo. Non posso pensare che se la chiedo per la settimana successiva, senza avere le idee chiare per giunta, sia possibile averla. In questo, come nel punto seguente, dovrei cercare di ricordarmi che, se mi sto rivolgendo ad un esperto, è perché io non ne so niente, quindi le mie pretese sui tempi di realizzazione vanno prima verificate alla luce della fattibilità tecnica del progetto.
  8. Che budget ho? Stiamo chiedendo un lavoro con una specializzazione tecnologica medio-alta, non stiamo commissionando un cartonato da esporre in fiera. È assolutamente legittimo chiedere un preventivo e fare tutte le domande necessarie a capire, ma se non ho un minimo di budget per poter partire, spreco il mio tempo…e io non ho tempo da sprecare, giusto?

Preventivo VR 2 Augmenta

Queste sono chiaramente solo alcune delle domande possibili, ma avere già la risposta a queste, mi permetterà di avere un’interazione più produttiva con un eventuale fornitore, che si ritroverà facilitato a rispondere e lo farà quindi più in fretta e con maggiore precisione.

Speriamo, con questa serie di articoli, di aver aiutato le persone interessate a sviluppare un’esperienza in VR nella comprensione generale di questo nuovo mezzo.

Se però doveste avere ancora dubbi, non vi preoccupate, siamo a disposizione per chiarirveli. Siamo qui per questo in fondo, no?

 

Augmenta

Augmenta

Augmenta è una startup innovativa che si propone come laboratorio d’avanguardia creativa e di sviluppo. Fornisce soluzioni digitali per diversi segmenti di business e non-business, come ad esempio: turismo, architettura, immobiliare, corporate branding, telecomunicazioni, enti governativi, fondazioni, istituzioni, università, musei e molti altri.