Ultime News
Cortometraggio 360° "In Trincea" con Eurofilm Produzioni, regia Marco Amenta - Shooting, Post-Produzione e Coordinamento VR Troupe - AUGMENTA
27182
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-27182,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

Cortometraggio 360° “In Trincea” con Eurofilm Produzioni, regia Marco Amenta – Shooting, Post-Produzione e Coordinamento VR Troupe

eurofilm-augmenta-in-trincea-shooting-360 video360-eurofilm-marco_amenta-augmenta-produzioneVR-metacamera-thumb
ABOUT THIS PROJECT

Augmenta ha coordinato le attività relative al VR shooting, alla produzione e alla post-produzione di un cortometraggio 360 per la regia di Marco Amenta. Siamo entusiasti di aver collaborato con partner di caratura internazionale per realizzare un cortometraggio 360 di qualità superiore, con una troupe cinema “prestata” ai video 360 per la prima volta. Avevamo già prodotto video 360 di qualità, come quello per Cesvi. Questa volta però c’erano delle sfide in più.

Abbiamo scelto una camera innovativa e dalla resa low light. Il cortometraggio è stato girato in condizioni particolari dal punto di vista ambientale. La nostra troupe ha dovuto letteralmente stare al freddo e al gelo per le riprese in notturna nelle prime settimane invernali. La scarsa luce del set e il meteo avverso hanno messo a dura prova gli operatori, il personale e l’attrezzatura. Siamo tuttavia estremamente soddisfatti del risultato.

I video 360, per ragioni tecniche,  sono diversi da un normale video 2D. I movimenti di camera, le inquadrature, e di conseguenza la recitazione devono seguire linee guida differenti. Poiché lo spettatore visiona il cortometraggio con un visore VR, non si può far muovere la camera eccessivamente. Il rischio è quello di provocare nausea e malessere nell’utente. Si devono quindi adottare soluzioni alternative, specifiche per la tecnologia usata.

Un’altra sfida è quella della regia. Il fruitore finale ha con il visore facoltà di guardare a 360 gradi. Il regista deve pertanto essere in grado di dirigere l’attenzione verso dove si trova l’azione principale. Il rischio è altrimenti che lo spettatore si perda le fasi salienti del cortometraggio. Questo però non significa che il resto del campo visivo debba essere totalmene vuoto. Idealmente in ogni punto dovrebbe esserci qualcosa di significativo, ma non troppo da far perdere di vista lo svolgimento dell’azione principale. Le riprese in notturna poi sono una sfida in più. Comportano la necessità di un’illiminazione specifica.  Non vediamo l’ora di potervelo mostrare… presto sui vostri visori!

DATE:

Gennaio 29, 2020

CATEGORY:
realtà virtuale, video 360°

Questo sito utilizza alcuni cookies tecnici e di profilazione (analytics anonimizzato) per assicurarti una navigazione ottimizzata. Teniamo alla tua privacy e in caso di richiesta diretta tramite contact form i tuoi dati non verranno mai ceduti a terze parti.